Carrozzeria Maraga

Dal 1918

  • carrozzeria

  • meccanico

  • elettrauto

  • riparazioni

  • patenti

La nostra Storia

.

maraga

Una storia che attraversa l'intero Novecento, fino ad arrivare ai nostri giorni, quella della Carrozzeria Maraga. L'esperienza maturata in tutti questi anni di attività, unita all'impegno costante, e soprattutto alla grande capacità di stare al passo con le maggiori evoluzioni tecnologiche del settore, rende la nostra carrozzeria un'importante realtà, insuperabile per professionalità e competenza tecnica.

 

Nel corso del tempo sono state adottati metodi e attrezzature sempre più innovative e all'avanguardia, finalizzate a garantire sempre la massima qualità delle lavorazioni, per la piena soddisfazione di nostri clienti.

Professionalità, Velocità e Aggiornamento sono le parole chiavi del nostro lavoro.

 

Fondata nel 1918 da Pierino Maraga, la carrozzeria arriva fino ai nostri giorni grazie all’impegno e alla passione tramandate di padre in figlio dalle tre generazioni della famiglia Maraga che si sono succedutenella conduzione dell’attività.


Luigi Maraga segue le orme del padre, così come i suoi figli, Piero e Paola, oggi, guidano l’azienda con la stessa dedizione e competenza dei predecessori.


Nata come fabbrica di carrozze, nel corso del tempo l’attività ha saputo trasformarsi e adeguarsi alle evoluzioni tecnologiche del mercato, trasformandosi in un’autocarrozzeria di notevole successo. Tra i suoi clienti dell’epoca si annoverano personalità di spicco, tra cui Mussolini, oltre a tanti altri personaggi noti. Durante la 2ª Guerra Mondiale l'azienda subì un forzoso cambiamento diventando fabbrica di ambulanze e autocarri per fini bellici. Al termine del conflitto potè riprendere finalmente ad esercitare la sua passione di sempre: "la carrozzeria".

 

Luigi Maraga fu l’artefice del successo della carrozzeria in quegli anni, un risultato importante che la professionalità di Piero e Paola Maraga conferma giorno dopo giorno, affinché questa bella storia romana continui a "scrivere le sue pagine".

Share by: